I sintomi dell’iperglicemia

- Posted by Author: BFC in Category: Diabete | 3 min read

L'iperglicemia è una condizione seria che, se sottovalutata, potrebbe causare gravi problemi alla nostra salute.
Ed è per questa ragione che è importante saper riconoscere per tempo i suoi primi sintomi / segnali.

glicemia

L’iperglicemia

Si parla di iperglicemia quando si è in presenza di livelli di zucchero (glucosio) nel sangue più alti rispetto al normale.

Nelle persone sane,

  • la glicemia a digiuno si attesta sui 60-110 mg/dL,
  • mentre i livelli di glicemia postprandiali (cioè 2 ore dopo l’ingestione di un pasto ricco di carboidrati /zuccheri) dovrebbero essere inferiori ai 140 mg/dL.

Da alti livelli di glicemia non tenuti sotto controllo potrebbero derivare conseguenze per la nostra salute, anche gravi: com’é noto la malattia che si caratterizzata per un’elevata iperglicemia si chiama diabete.

Le conseguenze di un’iperglicemia

Se non viene adeguatamente contrastata l’iperglicemia può causarci molti problemi:

  • un coma diabetico,
  • patologie renali,
  • infezioni dentarie,
  • infezioni alle gengive,
  • le ferite che guariscono lentamente,
  • infezioni respiratorie,
  • danni oculari, con cali di vista e cecità annessi,
  • una disfunzione erettile,
  • danni ai nervi.

Come si può vedere, l’iperglicemia è una condizione seria e se non viene adeguatamente trattata per tempo può portarci diversi gravi problemi. Problemi che però si possono prevenire con l’aiuto del tuo medico, del dietologo e del diabetologo.

Le misurazioni della glicemia

In relazione alle particolari condizioni di salute di una persona, il medico potrebbe consigliare di tenere quotidianamente sotto controllo la glicemia direttamente a casa. In ogni caso alle persone che sono in trattamento insulinico viene prescritta la misurazione a casa propria.

Grazie ai misuratori di glicemia – dei semplici ed economici strumenti da poter usare personalmente – oggi questa misurazione è un’operazione semplice: per farla serve solo una piccola goccia di sangue capillare.

Se vuoi saperne di più sui misuratori di glicemia, puoi leggere la seguente guida: Misuratore di glicemia (o glucometro): Guida alla scelta e all’utilizzo.

I  primi segnali / sintomi di un’iperglicemia

Indipendentemente dall’utilizzo di strumenti e dagli esami del sangue, si può sapere se la glicemia è più alta del normale dai seguenti segnali / sintomi:

  • un aumento della sete,
  • un aumento dell’appetito,
  • affaticamento,
  • sensazione di stanchezza e di minor energia,
  • nausea,
  • mal di testa,
  • un calo di peso inaspettato,
  • la visione offuscata,
  • minzioni più frequenti del normale.

Le analisi di laboratorio

Se avverti i sintomi appena indicati, consulta il tuo medico curante. Il medico potrebbe prescriverti degli esami di laboratorio per poter eventualmente diagnosticare l’iperglicemia e il diabete. Come, ad esempio:

  • un esame della glicemia a digiuno,
  • un test della glicemia postprandiale,
  • un test orale di tolleranza al glucosio (OGTT),
  • un esame dell’emoglobina glicata (HbA1c, test dell’emoglobina A1c),
  • un esame della glicemia causale.

Dai risultati di questi esami possono emergere le condizioni indicate nella tabella seguente.

condizione

valori glicemici lontano dai pasti

Ipoglicemia  minori di 60  (mg/dl)[2]
Normalità  compresi tra 60 e 110  (mg/dl)[2]
Iperglicemia  maggiore di 110  (mg/dl)[2]
Glicemia alterata a digiuno   compresi tra 100 e 125  (mg/dl)[1]
Diabete  maggiore di 126 (mg/dl)[2]

Sono considerate nella norma le oscillazioni della glicemia che vanno dai 60mg/dl ai 140 mg/dl nell’arco della giornata.

Si parla invece di iperglicemia postprandiale quando passate la glicemia supera il livello di 140 mg/dL due ore dopo il pasto.

I segnali ed i sintomi in presenza di un’iperglicemia

Dal momento che, se non viene diagnosticata e curata in tempo, l’iperglicemia provoca anche alcuni sintomi particolarmente gravi, dovresti consultare il tuo medico il prima possibile perché ti faccia una diagnosi in modo da curare un’eventuale iperglicemia e/o un diabete, nel caso dovessi avvertire uno dei seguenti sintomi o segnali:

  • l’alito che odora di frutta,
  • la pelle secca e pruriginosa,
  • la nausea,
  • il vomito,
  • le ferite e tagli che guariscono lentamente,
  • una debolezza,
  • una visione sfocata e perdita di vista,
  • disfunzioni erettili,
  • problemi dell’apparato gastrointestinale; bruciore di stomaco, sazietà, dolore addominale,
  • delle infezioni cutanee,
  • delle infezioni vaginali,
  • delle infezioni alle orecchie,
  • micosi,
  • difficoltà a respirare,
  • dolore e intorpidimento delle dita,
  • sensazione di mancamento alle gambe e ai piedi,
  • gonfiore e indolenzimento dei piedi,
  • annerimento di zone cutanee,
  • confusione,
  • coma.

Questi sintomi – solitamente collegati all’iperglicemia ed al diabete – potrebbero però essere anche causati da altri problemi di salute. Perciò il tuo medico farà un esame obiettivo, ti farà delle domande, e ti richiederà di fare diversi test di laboratorio per diagnosticare l’eventuale presenza di un diabete e di un’iperglicemia.

Se hai un problema di iperglicemia dovresti,

  1. prendere i medicinali e l’insulina come ti vengono prescritti dal medico;
  2. apportare anche dei cambiamenti alla tua dieta ed al tuo stile di vita;
  3. fare dell’attività fisica: naturalmente sempre seguendo le istruzioni del tuo medico.

Per approfondire


***

I nostri servizi e contenuti sono solo a scopo informativo. Segretiperstarbene.it non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento. Questo sito si basa sul supporto dei lettori: quando comprate attraverso i link sul sito, potremo ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione. Parecchi prodotti che presentiamo sono acquistabili online su Amazon.it, ma non siamo in alcun modo collegati ad Amazon. Il prezzo finale di vendita può variare per motivi indipendenti da noi: verificalo sempre prima di concludere l'acquisto.

A questo articolo ha contribuito

Author: BFC

Sono un appassionato lettore e ricercatore e credo nell’immensa potenzialità che la rete offre di condividere informazioni e conoscenze che possano direttamente o indirettamente migliorare il benessere dell’uomo.