Condizioni di salute

La fenomeno di Raynaud e la sindrome di Raynaud: sintomi e trattamenti

Le dita delle mani e dei piedi ti si intorpidiscono facilmente? Potrebbe dipendere da qualcosa di diverso dal solo freddo.
In questo articolo parleremo de fenomeno di Raynaud, delle sue cause e di cosa si può fare per allleviarlo.
sindorme di raynaud mani

Il fenomeno di Raynaud (FDR)

Il fenomeno di Raynaud (FDR) quanto a gravità si manifesta sotto due diverse forme:

  1. nel fenomeno di Raynaud primario, il quale è dovuto al freddo e non è associato ad un qualsiasi altro problema medico;
  2. nel fenomeno di Raynaud secondario, che è dovuto a sottostanti malattie in grado di indurlo, solitamente malattie autoimmuni (sindrome di Raynaud).

Il fenomeno di Raynaud è un disturbo che provoca una compressione nelle estremità del corpo, maggiore del normale dei vasi sanguigni in presenza di stress o di temperature rigide.

I vasi sanguigni in tal modo ristretti, impediscono al sangue di raggiungere la superficie della pelle.

Tutto ciò comporta che le aree interessate, in genere quelle delle dita delle mani e dei piedi, diventino prima bianche, poi blu e poi rosse.

ll fenomeno di Raynaud colpisce soprattutto le persone del genere femminile di età compresa tra i 30 ed i 40 anni. [1]

A scoprire questo disturbo è stato un medico francese nato nel 1834, Maurice Raynaud , che raggiunse la sua fama scientifica e medica come studente in medicina con la sua tesi di dottorato.

Questa sua tesi descriveva 25 pazienti, 20 dei quali donne che avevano dei cambiamenti di colore nella loro mani e nei loro piedi quando erano esposti al freddo o quando queste erano sotto stress.

Questa condizione oggi conosciuta appunto come fenomeno di Raynaud si associa ad un’ampia varietà di condizioni che interessano più discipline mediche. [2]

Il FDR “primario” ed il FDR “secondario”

Il fenomeno di Raynaud può essere idiopatico oppure può essere secondario ad altre malattie. Come abbiamo detto si possono avere una forma primaria ed una secondaria del fenomeno di Raynaud.

1 – quella “primaria” dei FDR

E’ la condizione più comune, ed è meno grave di quella secondaria. [3]

La primaria interessa tipicamente le donne in giovane ètà prima dei 30 anni.

Circa il 75% di quelle persone a cui viene diagnosticata questa condizione sono infatti donne di età compresa tra i 15 ed i 40 anni.  [4]

2 – quella “secondaria” del FDR  (sindrome di Raynaud)

La sindrome di Raynaud secondaria insorge a seguito a un’altra malattia o condizione di salute, come il lupus, l’artrite reumatoide o la sindrome del tunnel carpale.

Tuttavia possono indurre la sindrome di Raynaud secondaria anche,

  • il fumo,
  • determinati farmaci come i beta-bloccanti,
  • i farmaci chemioterapici ed  alcuni farmaci contro  il raffreddore.  [3]

Le diagnosi del FDR

Una sindrome di Raynaud può essere diagnosticata da un medico, dopo che questi ha preso in esame la storia ed i sintomi  ed ha visitato il paziente.

Alcuni medici possono prescrivere gli esami del sangue per escludere altre possibili condizioni.

Inoltre il medico potrebbe esaminare da vicino la pelle alla base dell’unghia: una tecnica strumentale non invasiva – chiamata capillaroscopia ungueale – che consente lo studio in vivo in tempo reale delle caratteristiche morfologiche e funzionali del microcircolo. [4]

I sintomi, le fasi e le complicazioni del fenomeno

1 – i sintomi legati al fenomeno

I sintomi comuni legati al fenomeno di Raynaud sono: [5]

  • un’estrema sensibilità al freddo o allo stress,
  • un intorpidimento ed un dolore dovuti alla mancanza di sangue alle estremità,
  • un formicolio quando il sangue ritorna alle estremità,
  • dei cambiamenti di colore della pelle.

2 – le tre fasi dell fenomeno di Raynaud

Prima fase: per effetto della diminuzione del diametro dei vasi sanguigni, la pelle diventa bianca a causa della mancanza di flusso sanguigno alle dita delle mani e dei piedi e – a volte – anche alle orecchie, al naso e alle labbra.

A causa della ridotta ossigenazione dei tessuti, la persona interessata avverte dei formicolii alle mani, una perdita di sensibilità e dei dolori simili a stilettate che attraversano le dita.

Seconda fase: le sue dita diventano di un colore bluastro ed aumenta la sudorazione, il che spesso porta dolore alle estremità colpite.

Terza fase: per effetto di un successivo aumento del diametro dei vasi sanguigni il sangue torna di nuovo a scorrere normalmente. Le dita cambiano di nuovo  di colore, diventando rosse a causa dell’improvviso flusso di sangue che è tornato a scorrere nei capillari, e a volte anche in questa fase la persona che ne é colpita può avvertire dolore.

3 – le possibili complicazioni

Sono rari i casi di sindrome di Raynaud gravi, ma se un’arteria si viene a bloccare completamente può comportare anche serie complicazioni come, dei danni ai tessuti, delle ulcere cutanee (piaghe) o addirittura la cancrena (tessuti morti)

Nei casi più gravi può essere necessaria la chirurgia nervosa o l’amputazione dell’area interessata. [3]

I trattamenti relativi al fenomeno di Raynaud

La sindrome di Raynaud (FDR secondario) viene spesso alleviata dai trattamenti che vengono fatti per risolvere il problema di salute sottostante.

Non esiste invece una cura specifica contro il fenomeno di Raynaud primario.

Il fenomeno di Raynaud primario può però essere gestito,

  • mantenendo il corpo caldo,
  • riducendo lo stress,
  • facendo degli esercizi,
  • ed evitando il fumo, la caffeina e i farmaci che limitano il flusso sanguigno.

Le persone che ne sono colpite dovrebbero,

  • evitare il contatto diretto con il freddo,
  • usare delle presine quando rimuovono gli oggetti dal congelatore o dal frigorifero,
  • coprire bevande fredde con una manica isolata,
  • indossare calze di lana o sintetiche.

Quando una persona inizia ad avvertire i sintomi del fenomeno di Raynaud dovrebbe,

  • spostarsi in un luogo più caldo,
  • muovere le dita delle mani e dei piedi,
  • cercare di stimolare la circolazione ed aumentare la frequenza cardiaca eseguendo dei semplici esercizi fisici (con le braccia, ad esempio),
  • immergere le mani ed i piedi nell’acqua calda,
  • massaggiare delicatamente le mani ed piedi,
  • fare degli esercizi di rilassamento e di respirazione profonda.

Se questi rimedi non dovessero essere sufficienti, il medico potrebbe prescrivere farmaci come i bloccanti dei canali del calcio o bloccanti dei recettori dell’angiotensina, che rilassano e allargano i vasi sanguigni, per aumentare il flusso sanguigno alle nostre mani e ai piedi.

Potresti essere interessato a:
Condizioni di salute

L'enuresi notturna nei bambini

Condizioni di salute

La celiachia, o malattia celiaca

Condizioni di salute

La diarrea: sintomi, diagnosi, cure

Condizioni di salute

Le benefiche proprietà dell'alloro