Allergie

Gli antistaminici: efficacia, utilizzi, controindicazioni

Gli antistaminici sono un gruppo di farmaci che agiscono bloccando l'azione di una sostanza chiamata istamina.
Possono avere numerosi impieghi, ma nella maggior parte dei casi sono impiegati per trattare le allergie.
donna che si soffia il naso

L’istamina

L’istamina è una molecola prodotta naturalmente dal nostro corpo ed immagazzinata in alcune cellule come i granulociti basofili, le piastrine, i mastociti.

In risposta agli allergeni viene rilasciata da queste cellule per poi legarsi al cosiddetto recettore dell’istamina, che è presente in varie cellule del nostro corpo.

Se la nostra pelle viene danneggiata, oppure in presenza di una sostanza estranea, il nostro sistema immunitario rilascia l’istamina che si lega – su altre cellule –  a dei recettori chiamati recettori H1.

E’ questo legame che provoca nelle persone predisposte sintomi allergici come gli starnuti, prurito agli occhi ed al naso, orticaria e persino anafilassi (che è una grave reazione allergica a rapida comparsa).

A difesa del nostro corpo, le cellule e i prodotti chimici specializzati a tal fine, accedono all’area interessata. Anche se questa loro risposta ci è utile, nelle persone più sensibili provoca degli arrossamenti, dei gonfiori e del prurito.

Ciò innesca una reazione a catena la quale fa sì che i vasi sanguigni in quella zona diventino leggermente colanti.

Quando vengono utilizzati gli antistaminici

Gli antistaminici sono dei farmaci che bloccano il recettore dell’istamina, bloccando in tal modo anche i sintomi delle allergie come gli starnuti, il naso colante, il prurito agli occhi, ed i gonfiori della gola.

Gli antistaminici vengono utilizzati specialmente per trattare le seguenti condizioni.

1- Per alleviare i sintomi associati a reazioni allergiche derivanti, ad esempio, dagli acari della polvere, dalla febbre da fieno o dalle allergie alimentari.

    • Questi sintomi possono essere costituiti:  da un’infiammazione del naso e degli occhi (rinite e congiuntivite); da starnuti; da prurito agli occhi al naso e alla gola; dalla rinorrea (naso che cola”).

2- Per ridurre la gravità delle eruzioni cutanee e del prurito associati a delle eruzioni quali l’orticaria ed il prurito generalizzato (prurito).

3- Contro le eruzioni ed i pruriti dopo punture di insetti o morsi.

4- Per prevenire la cinetosi (mal di viaggio o da movimento) e la nausea.

5- Occasionalmente (ed esclusivamente sotto prescrizione del medico) possono servire,

    • a trattare le nausee mattutine nel corso della gravidanza;
    • nella cura dei malati terminali in ragione dei loro effetti sedativi;
    • nel trattamento di emergenze per gravi reazioni allergiche.

In che modo agiscono

Le reazioni allergiche sono causate come abbiamo detto da un’ipersensibilità o da un’eccessiva reazione del nostro sistema immunitario ad un particolare allergene.

L’allergene è una sostanza estranea al nostro corpo: sostanza che può essere ad esempio, il polline, i peli, le muffe, alcuni germi.

In alcune persone può causare reazioni allergiche: mentre nella maggior parte delle persone la reazione immunitaria a queste sostanze estranee è normale ed appropriata, nelle persone allergiche la reazione è eccessiva.

  • Ad esempio, il contatto delle persone con la febbre da fieno col polline fa scattare i mastociti nel naso nella gola e negli occhi, che rilasciano molta più istamina del normale.

Questo eccessivo rilascio d’istamina produce dei sintomi allergici: prurito, gonfiore, occhi che colano, ecc.

La funzione degli antistaminici è di impedire all’istamina di raggiungere il suo obiettivo bloccando fisicamente i recettori H1.

Questo blocco riduce le reazioni del nostro corpo agli allergeni, e quindi gli antistaminici sono utili a ridurre i fastidiosi sintomi associati alle allergie.

Gli antistaminici vengono comunque impiegati anche per trattare la nausea ed il vomito. I modo esatto con cui agiscono non è ben noto: si presume che blocchino i recettori H1 nell’area del cervello che crea la nausea.

Alcuni antistaminici possono anche avere un effetto antimuscarinico, ovvero quello d’inibire gli effetti della acetilcolina a livello della muscolatura liscia, delle ghiandole, e del cuore.

1- antistaminici di prima generazione

Quando entrano in azione i recettori di cui abbiamo detto, si possono avere alcuni effetti collaterali associati agli antistaminici. Ad esempio: secchezza delle fauci, visione offuscata e ritenzione di urina.

Questi effetti sono principalmente causati dai “vecchi” antistaminici, quelli di prima generazione.

Questi farmaci possono causare una sonnolenza significativa e generalmente sono associati maggiormente agli effetti collaterali antimuscarinici sopra menzionati.

Si tratta di medicinali che possono essere utilizzati per i loro effetti sedativi nel caso di un sonno disturbato dal prurito.

2- antistaminici non sedativi o di seconda generazione

Si tratta di farmaci più recenti che generalmente causano una minore sonnolenza.

Gli antistaminici di seconda generazione hanno un minor numero di effetti avversi in quanto sono più selettivi per i recettori H1 periferici. [1]

Tuttavia, chi assume questi medicinali mentre fa alcuni lavori – se guida ad esempio – dev’essere consapevole che anche questi farmaci possono avere effetti sedativi, in particolare in combinazione con l’alcol.

Da ricordare

Gli antistaminici non devono essere confusi con gli antagonisti dei recettori istaminici H2 (o h2 antagonistiche riducono la produzione di acido gastrico.

Sebbene entrambi i tipi di farmaci blocchino le azioni dell’istamina, agiscono su diversi recettori in diversi sistemi del corpo.

I tipi di antistaminici ed i loro utilizzi

In genere gli antistaminici funzionano abbastanza bene nel ridurre i sintomi delle allergie.

Il medicoa seconda della causa dell’allergia può consigliare un particolare tipo di farmaco piuttosto che uno diverso: stabilire per esempio se è necessario un farmaco sedativo oppure non sedativo. In linea generale comunque,

1- Tutti gli antistaminici (probabilmente) sono ugualmente efficaci nel ridurre i sintomi della febbre da fieno (rinite allergica stagionale) e quelli dell’orticaria.

Tuttavia gli antistaminici di seconda generazione tendono ad essere utilizzati più di frequente e per la maggior parte delle condizioni allergiche, perché causano una minore sonnolenza.

2- I farmaci antistaminici cetirizinaloratadina (farmaci antistaminici di seconda generazione) e la fexofenadina vengono spesso raccomandati per trattare l’orticaria.

3- I colliri antistaminici (per esempio, le gocce oculari all’azelastina o le gocce di ketotifene) possono venire consigliati quando il problema è il prurito agli occhi.

4- Un antistaminico sedativo può essere particolarmente utile quando si devono mettere a letto i bambini che hanno sintomi allergici.

  • I medicinali per la tosse contenenti antistaminici sedativi non sono adatti ai bambini di età inferiore ai 6 anni,
  • mentre per i bambini di età compresa tra 6 e 12 anni è necessario il consiglio del farmacista.

5- Per trattare altre condizioni possono essere impiegati specifici antistaminici. Ad esempio:

  • Gli antistaminici a base di ciclizina e prometazina (due principi attivi) sono impiegati contro la nausee ed il vomito, piuttosto che per trattare il raffreddore da fieno.
  • La clorfenamina è l’antistaminico più utilizzato in situazioni di emergenza come l’anafilassi, e può essere somministrata per iniezione.
  • La difenidramina (ALLERGAN®) viene venduta per calmare il prurito ed i fastidi derivanti da irritazioni, da punture di insetti, e gli arrossamenti della pelle dovuti ad un’eccessiva esposizione al sole.

I prodotti antistaminici in commercio

Gli antistaminici vengono venduti sotto diverse forme:

  • in compresse;
  • in soluzioni liquide;
  • come preparati per iniezioni (per reazioni allergiche gravi in cui è necessario un trattamento immediato);
  • come colliri;
  • come gocce e spray per il naso;
  • come creme ed unguenti.

Una compressa di antistaminico inizia ad agire in genere entro 30 minuti dopo essere stata assunta.

Il suo picco di efficacia si ha (in genere) 1-2 ore dopo. La durata dell’effetto farmacologico di tutti questi farmaci ha una spiccata variabilità.

Sul piano clinico, l’effetto terapeutico è prolungato anche a distanza dalla sospensione del farmaco.

L’inibizione della risposta cutanea all’istamina persiste per 12-24 ore dopo una singola dose di loratadina e cetirizina 5; l’effetto inibitorio sulla risposta cutanea può durare fino a 7-10 giorni a seconda del tipo di molecola assunta. [2]

Gli effetti collaterali degli antistaminici

La maggior parte delle persone che assumono antistaminici non ha effetti collaterali gravi.

Se si hanno degli effetti collaterali di solito non sono significativi. I più comuni effetti collaterali sono:

  • la sonnolenza;
  • il mal di testa;
  • le vertigini;
  • una agitazione;
  • la bocca asciutta;
  • una visione offuscata;
  • una ritenzione urinaria;
  • problemi di stomaco e disturbi intestinali.

Per un elenco completo di tutti gli effetti collaterali e le possibili interazioni associate al medicinale, consultate il foglio illustrativo del singolo farmaco.

Avvertenze circa il loro impiego

La maggior parte delle persone può prendere antistaminici in modo sicuro. Tuttavia:

  1. Gli antistaminici non dovrebbero essere assunti dalle persone con una rara malattia metabolica chiamata porfiria acuta.
  2. Potrebbero non essere adatti alle persone con problemi epatici o renali.
  3. Gli antistaminici di prima generazione potrebbero non essere adatti per gli uomini con un ingrossamento della prostata (iperplasia prostatica benigna).
  4. Possono anche non essere adatti alle persone con un’elevata pressione nell’occhio (glaucoma acuto) o a quelle che sono a rischio di glaucoma.
  5. Alle donne in gravidanza e a quelle che allattano al seno viene generalmente raccomandato di non assumere antistaminici (più che altro per una questione legata alla carenza di studi relativi ai possibili effetti collaterali, piuttosto che per effetti collaterali conclamati). Comunque la decisione spetta al medico, il quale valuterà i pro ed i contro di un’eventuale somministrazione.
  6. L’alcol interagisce con gli antistaminici, quindi durante la cura andrebbe evitato.

Informa il tuo medico o il farmacista se stai prendendo altri medicinali, così che questi possano consigliarti circa quale antistaminico assumere di conseguenza.

Nel foglietto illustrativo dei singoli medicinali  vengono indicate le persone che non dovrebbero assumere antistaminici.

La loro efficacia

A volte potrebbe essere necessario provare degli antistaminici diversi per trovare quello che funziona meglio (o la combinazione di quelli che presi assume funzionano meglio) per un caso specifico.

Gli antistaminici sono generalmente più efficaci quando vengono presi costantemente piuttosto che in modo intermittente.

Ciò vale particolarmente per le persone con la febbre da fieno (rinite allergica stagionale).

L’efficacia degli antistaminici dipende ovviamente anche dalla dose assunta, e dalla forma con cui cui vengono somministrati.

Gli antistaminici in gravidanza

Le case farmaceutiche sono piuttosto restie a testare medicinali sulle donne in gravidanza o su quelle che allattano, quindi non ci sono studi a questo riguardo.

Le case tendono comunque ad affermarne la sicurezza, anche se non sempre ci sono studi approfonditi al riguardo.

In ogni caso la decisione “finale” spetta al tuo medico che, valutati pro e contro, deciderà se prescriverti un antistaminico o meno.

Le possibili interazioni

Alcuni medicinali possono interagire con gli antistaminici, aumentando gli effetti collaterali di uno di loro o di entrambi i farmaci.

Di solito è meglio evitare  di prendere antistaminici contemporaneamente con determinati farmaci, tra cui:

  1. alcuni tipi di antidepressivi. Gli antidepressivi triciclici come l’amitriptilina e la lofepramina in particolare possono interagire con gli antistaminici.
  2. gli antiacidi. Gli antiacidi possono interferire col modo in cui viene assorbito l’antistaminico, rendendolo meno efficace.
  3. gli analgesici oppioidi o benzodiazepine ed i farmaci-Z (ipnotici non-benzodiazepinici).
  4. gli antimuscarinici. Questi medicinali possono creare degli effetti collaterali simili a quelli degli antistaminici (come la secchezza delle fauci o problemi di ritenzione delle urine) e la combinazione può rendere più gravi questi effetti.

Attenzione

Alcuni rimedi per la tosse e il raffreddore possono contenere degli antistaminici.

In tal caso il dosaggio di questi farmaci e degli antistaminici potrebbe dover essere modificato. Parlane quindi col tuo medico.

L'autore

Aida Teresa collabora da anni esclusivamente con un ristretto e selezionato numero di pubblicazioni online. Questo le ha consentito di specializzarsi nella redazione di notizie e articoli sui temi della medicina, dello sport e della bellezza.
    Potresti essere interessato a:
    Allergie

    L'allergia agli acari della polvere

    Allergie

    Raffreddore da fieno o rinite allergica: le cure naturali

    Allergie

    5 antistaminici naturali efficaci