Le emorroidi post parto, nell’allattamento al seno: alcuni consigli

- Posted by Author: BFC in Category: Condizioni di salute | 2 min read

Quando si allatta al seno, sarebbe opportuno adottare alcuni accorgimenti non farmacologici per le emorroidi che compaiono dopo il parto.

emorrodi in gravidanza

La patologia emorroidale nel corso dell’allattamento

Quando (in parole semplici) intorno all’area rettale le vene si gonfiano, si parla di ‘emorroidi’ anche se più correttamente si dovrebbe parlare di patologia emorroidaria.

Soffrire di emorroidi nel periodo in cui si allatta al seno è una condizione molto comune . Di solito le emorroidi compaiono dopo il parto, in particolare dopo il parto naturale proprio a causa dello sforzo compiuto che provoca un prolasso emorroidale.

Questo rigonfiamento può essere piccolo, anche meno di un centimetro, oppure molto più sviluppato.

Tutti i vari tipi di emorroidi portano comunque del dolore, del prurito e comportano notevoli disagi.

I rimedi contro le emorroidi in caso d’allattamento al seno

In un periodo delicato qual é quello dell’allattamento al seno, non si possono prendere farmaci che possano essere pericolosi per il bambino, magari anche solo potenzialmente. Sono ugualmente da evitare anche gli interventi chirurgici.

Bisogna perciò adottare altre “strategie”. Ecco alcuni semplici rimedi che potranno esser utili allo scopo.

1. fai degli impacchi caldi e freddi

Le emorroidi possono essere curate con impacchi utilizzando sia dell’acqua gelata che dell’acqua calda.

Per massimizzare il sollievo, la cosa migliore è di utilizzare le due opzioni in modo alternato. Per esempio, se oggi decidi di utilizzare un impacco di ghiaccio, domani opta per il semicupio caldo, cioè per un bagno caldo fatto in una vasca corta che ti permetta di immergerti parzialmente restando seduta.

Ma se preferisci puoi anche utilizzare entrambi questi trattamenti lo stesso giorno. Oppure applica un impacco di ghiaccio la mattina, e fai un bagno caldo qualche ora dopo.

2. fai ricorso a degli anestetici topici

Alle donne che allattano al seno viene vivamente sconsigliato l’utilizzo di medicinali per le emorroidi, orali o topici che siano.

Tuttavia, nei casi di emorroidi più gravi potrebbero essere necessari degli anestetici. Consultati comunque col tuo medico per sapere quali pomate possano fare al caso tuo.

Esistono anche delle creme erboristiche che sono perfettamente sicure per le mamme incinte o in allattamento. Quella più raccomandata è una crema all’amamelide.

3. non stare troppo seduta, alzati

Le donne incinte e quelle cha allattano tendono a rimanere sedute molto tempo.

Se hai le emorroidi, cerca di non stare seduta troppo a lungo o in piedi per lunghi periodi di tempo. È meglio se ti stendi sulla schiena per riposarti, piuttosto che sederti.

Se l’area rettale incomincia a farti male, fai gli impacchi di ghiaccio di cui abbiamo parlato prima.

4. assumi dei lassativi naturali

Alcuni tipi di tè e di tisane aiutano ad ammorbidire le feci nell’intestino. Questo ammorbidimento è molto importante per i tutti i soggetti colpiti dalle emorroidi.

Parlane comunque col tuo medico: chiedigli dei lassativi che siano sicuri per l’allattamento. Molti ormai si possono trovare sotto forma di bustine da tè.

Solitamente le emorroidi dovute al parto vanno via da sole. Se tuttavia dovessero ripresentarsi, fai quanto ti è possibile non aggravare ulteriormente la situazione.

Per approfondire


***

I nostri servizi e contenuti sono solo a scopo informativo. Segretiperstarbene.it non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento. Questo sito si basa sul supporto dei lettori: quando comprate attraverso i link sul sito, potremo ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione. Parecchi prodotti che presentiamo sono acquistabili online su Amazon.it, ma non siamo in alcun modo collegati ad Amazon. Il prezzo finale di vendita può variare per motivi indipendenti da noi: verificalo sempre prima di concludere l'acquisto.

A questo articolo ha contribuito

Author: BFC

Sono un appassionato lettore e ricercatore e credo nell’immensa potenzialità che la rete offre di condividere informazioni e conoscenze che possano direttamente o indirettamente migliorare il benessere dell’uomo.