Emazie nelle urine: le cause, i trattamenti

- Posted by Author: BFC in Category: Condizioni di salute | 4 min read

Parleremo delle condizioni che ne stanno alla base della presenza di globuli rossi nelle urine (ematuria), delle diverse possibili cause e di quali possono essere i possibili trattamenti.

Emazie sangue nelle urine

Emazie. Ematuria. Ematurie evidenti e microscopiche

Premesse: la presenza di globuli rossi nelle urine (ematuria) può essere un fenomeno visivamente apprezzabile oppure può essere accertato solo attraverso degli esami. Le conseguenti valutazioni possono essere fatte solo da un medico.

Prima di parlare delle cause e delle cure, due parole alcuni e termini utili a meglio comprendere il tema che stiamo per trattare.

Emazie

Le emazie sono i globuli rossi che sono presenti nel sangue.

Ematuria

L’ematuria é quella condizione in cui il sangue è presente nelle urine. Per  noi un’ematuria può essere una fonte di preoccupazione. Ma di solito non costituisce un motivo per allarmarsi particolarmente.

Le ematurie non dovrebbero tuttavia mai essere ignorate perché potrebbero anche essere i segnali di alcune patologie gravi.

Perciò, tutti i casi di ematuria dovrebbero venire valutati da un medico al fine di identificarne le cause e trarne le conseguenze, medico che certamente prescriverà degli esami per confermare o per escludere una loro rilevanza.

L’ematuria evidente

Quando il sangue è presente l’ematuria, questa condizione è quella che i medici definiscono un’ematuria evidente. Nell’ematuria evidente – invece del suo normale colore giallo pallido – l’urina potrebbe essere rosa, rossa, rosso-bruna, o color tè.

L’ematuria microscopica

A volte il sangue presente nell’urina non è visibile ad occhio nudo, e la sua presenza può essere rilevata solo in laboratorio. Questa condizione viene definita dai medici un’ematuria microscopica. Solitamente la si rileva da un campione d’urina prelevato con uno stick e poi  esaminato al microscopio.

Le principali cause delle emazie nelle urine

Il sangue nelle urine potrebbe derivare dai reni, dove l’urina viene prodotta. Ma potrebbe provenire anche da altre strutture del tratto urinario, come ad esempio:

  • dall’uretere (quel tubo che collega i reni alla vescica),
  • dalla vescica (dove l’urina viene immagazzinata)
  • o dall’uretra (il tubo che dalla vescica si porta verso l’esterno del corpo).

Anche alcuni medicinali, come ad esempio gli antibiotici nitrofurantoina e rifampicina, possono far diventare l’urina di colore rosso o marrone.

Quindi prima di iniziare a preoccuparti, prova a pensare se hai di recente mangiato delle barbabietole, poiché queste possono colorare l’urina di rosa e causare degli inutili allarmismi.

Le cause più comuni di sangue nelle urine sono dovute,

ad infezioni della vescica (come una cistite),

che quando si sta urinando di solito ci causano anche un dolore con una sensazione di un bruciore;

a calcoli renali,

i quali possono essere indolori, ma che a volte possono bloccare uno degli ureteri e causare un dolore addominale intenso;

ad un’infezione renale,

la quale potrebbe anche causare un’aumento della temperatura corporea, ed un dolore sui lati dell’addome;

ad un’uretrite,

che é un’infiammazione del tubo che porta l’urina fuori dal corpo (uretra), spesso è causata da infezioni trasmesse sessualmente (MST) come la clamidia (un’infezione batterica causata da un microrganismo);

ad una prostata ingrossata,

si tratta di una condizione che comune tra uomini più anziani e non ha nulla a che fare col cancro alla prostata: la prostata ingrossata tende a premere sulla vescica e ciò potrebbe causare dei problemi come una difficoltà nell’urinare ed una minzione più frequente;

ad un cancro alla prostata,

che solitamente colpisce gli adulti over 50, e che progredisce molto lentamente: può causare una minzione più frequente ed urgente, così come del dolore mentre si urina, ed anche delle difficoltà nello svuotare la vescica.

ad un cancro ai reni,

anche questa una malattia che solitamente colpisce gli adulti di età superiore ai cinquant’anni, e che può causare un dolore persistente sotto le coste e una protuberanza addominale.

La ricerca delle cause delle emazie nelle urine

Il medico inizia col raccogliere informazioni circa l’anamnesi (la storia medica) chiedendo anche cosa  – a nostro parere – potrebbe aver causato la comparsa di sangue nelle tue urine. A seguire analizzerà un campione delle urine.

Gli esami delle urine potrebbero includere la citologia, che utilizza il microscopio per ricercare cellule anomale nelle urine.

Potrebbe prescrivere anche degli esami del sangue. In aggiunta agli esami del sangue e delle urine, potrebbe prescrivere una tomografia computerizzata (TC), un’ecografia del tratto urinario, una cistoscopia o una biopsia renale.

I trattamenti delle ematurie

L’ematuria non ha una cura specifica per cui il medico focalizzerà le sue attenzioni nel curare le condizioni che stanno alla sua base. Ciò potrebbe implicare, per esempio,

  • il dover assumere degli antibiotici per risolvere un’infezione del tratto urinario,
  • oppure di dover assumere dei medicinali per far ritirare una prostata ingrossata,
  • od una terapia con onde d’urto per rompere i calcoli della vescica o dei reni.

Se invece la condizione di base non è grave, non è normalmente necessario alcun trattamento medico.

Per approfondire


***

I nostri servizi e contenuti sono solo a scopo informativo. Segretiperstarbene.it non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento. Questo sito si basa sul supporto dei lettori: quando comprate attraverso i link sul sito, potremo ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione. Parecchi prodotti che presentiamo sono acquistabili online su Amazon.it, ma non siamo in alcun modo collegati ad Amazon. Il prezzo finale di vendita può variare per motivi indipendenti da noi: verificalo sempre prima di concludere l'acquisto.

A questo articolo ha contribuito

Author: BFC

Sono un appassionato lettore e ricercatore e credo nell’immensa potenzialità che la rete offre di condividere informazioni e conoscenze che possano direttamente o indirettamente migliorare il benessere dell’uomo.