Cura orale e dentale

Come eliminare il tartaro: 6 rimedi naturali

Il tartaro costituisce un problema che colpisce milioni di persone che può essere risolto dal nostro dentista.
Ma a volte anche da un'accurata pulizia dei denti e da alcuni piccoli accorgimenti quotidiani che tutti noi possiamo seguire.
tartaro

Il problema di salvaguardare i denti

Tutti noi vorremmo avere un sorriso smagliante, con denti bianchi e perfetti. Purtroppo però non è sempre così.

Le ragioni possono essere anche molto diverse: potrebbero dipendere da una non corretta pulizia dei denti o da un’alimentazione sbagliata.

Questi fattori possono portare alla formazione di una patina di ritenzione batterica dura, il tartaro.

Per salvaguardare i nostri denti, e per prevenire l’insorgere di problemi più gravi ad esso collegati come le gengiviti ed i sanguinamenti, il tartaro può essere eliminato con un’accurata pulizia dei denti da parte di un dentista.

Ma anche con alcuni piccoli accorgimenti quotidiani che tutti noi possiamo seguire: anche facendo ricorso a degli ingredienti comuni che troviamo in tutte le nostre case, e che andremo ad illustrare.

Che cos’è il tartaro

Il tartaro è un insieme di batteri e di minerali presenti nella nostra bocca, lingua e saliva comprese, che va a depositarsi sui denti e sulle gengive formando una placca batterica: una specie di copertura solidificata che può diventare pericolosa per la nostra cavità orale.

Per conoscere l’effettiva la situazione della nostra bocca é comunque sempre opportuna la visita di uno specialista.

Le cause per cui di forma questa placca possono essere svariate.

Potrebbero essere legate ad un problema ereditario, o legate ad altre patologie della nostra bocca.

Ma sopratutto possono dipendere da un’alimentazione ricca di zuccheri e di cibi grassi ed una scarsa pulizia dei denti.

Quindi, in ogni caso, per prevenire il formarsi del tartaro è necessaria comunque un’efficace pulizia della cavità orale utilizzando in modo adeguato lo spazzolino e il filo interdentale, e anche un collutorio.

Ma anche utilizzando i rimedi naturali che illustreremo.

Alcuni rimedi naturali fai da te contro il tartaro

Come spesso capita, nelle nostre case siamo pieni di ingredienti naturali che ci aiutano a sconfiggere i problemi quotidiani che ci affliggono.

Anche nel caso del tartaro possiamo far ricorso alla nostra dispensa per avere un’aiuto. Vediamoli questi possibili rimedi.

1) olio di cocco (in alternativa: olio di girasole, olio di semi di sesamo)

L’olio di cocco contiene l’acido laurico , il quale è un ottimo antinfiammatorio e antibiotico, e quindi aiuta a prevenire il formarsi di troppi strati di placca.

  • Assumete un cucchiaino di olio di cocco: tenetelo in bocca e fatelo girar per circa 15-20 minuti.
  • Sputate l’olio, e lavatevi normalmente i denti.
  • Con l’olio di cocco non dovete fare dei gargarismi: semplicemente lasciatelo girare in bocca.
  • Ripetete giornalmente l’operazione, ed i vostri denti ne beneficeranno.
  • Potete anche massaggiarvi le gengive con alcune gocce di olio di cocco.

Allo stesso modo, potete utilizzare anche l’olio di girasole o l’olio di semi di sesamo.

2) bicarbonato di sodio

Per combattere il tartaro non poteva di certo mancare il bicarbonato di sodio.

Infatti, questo “elemento multiuso” aiuta  anche è a ridurre gli acidi ed i batteri nella nostra bocca. Inoltre ha un effetto sbiancante sui denti.

Potete utilizzare il bicarbonato in diversi modi.

  1. Spalmate sullo spazzolino del bicarbonato e lavatevi i denti come sempre.
  2. Preparate una mistura di bicarbonato (un cucchiaio) e acqua ossigenata (un cucchiaino) e utilizzatela al posto del dentifricio.
  3. Fate dei risciacqui con bicarbonato ed acqua.

Utilizzate questo rimedio uno o due volte alla settimana: l’uso prolungato del bicarbonato può infatti danneggiare lo smalto dei denti.

3) aloe vera

Un altro ingrediente sempre presente nel novero dei rimedi naturali più comuni, è l’aloe vera.

Le sue proprietà antibatteriche eliminano i batteri che formano il tartaro, ed aiutano le nostre gengive a rimanere sane. Inoltre l’aloe vera è utile anche per contrastare l’alito cattivo.

  • Prendete delle foglie di aloe vera ed estraete la polpa all’interno.
  • Massaggiate denti e gengive con la polpa, e lasciate riposare per dieci minuti.
  • Dopodiché risciacquate con acqua fredda.

Potete ripetere quest’operazione fino a due volte al giorno.

4) chiodi di garofano

I chiodi di garofano sono un ottimo rimedio per mantenere ben pulita la nostra bocca. Anche in questo caso, li potete utilizzare in modi diversi.

  1. Riducete in polvere i chiodi di garofano fino ad ottenere una quantità di un cucchiaino.
    • Mescolate questa polvere con un po’ di olio d’oliva finché non otterrete un’impasto omogeneo da spalmare sui denti.
    • Lasciate riposare per alcuni minuti, e risciacquate con acqua tiepida.
  2. Masticate giornalmente una manciata di chiodi di garofano per mantenere sana la cavità orale.
  3. Unite chiodi di garofano in polvere con alcune gocce di tea tree e basilico per creare una mistura con cui fare dei risciacqui molto efficaci contro il tartaro.

5) una scorza d’arancia

Gli agrumi sono efficaci per prevenire le malattie stagionali, ma la loro scorza ricca di vitamina C, è utile anche in ragione della sua azione antibatterica.

  • Dopo aver mangiato l’arancia, prendete la scorza e spalmatela sui denti per alcuni minuti.
  • Successivamente risciacquate con acqua tiepida per eliminare gli acidi in eccesso.

6) foglie di guava

Con le foglie di guava – un’albero coltivabile anche in Italia in tutte quelle zone in cui si coltivano agrumi, e da cui si ricavano dei frutti gustosi dal sapore piuttosto acidulo e più o meno dolci in base alle varietà – si può ottenere un efficace rimedio contro il tartaro grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e analgesiche.

  1. Potete masticare delle foglie di guava durante il giorno, e poi sputarle.
  2. Oppure potete preparare un collutorio per dei risciacqui a base di estratto di foglie di guava.

Raccomandazioni

La pulizia della cavità orale è fondamentale. Dunque lavatevi i denti dopo i pasti utilizzando (anche) il filo interdentale e un collutorio.

Cercate di seguire un’alimentazione ricca di frutta e verdura, e povera di zuccheri e di grassi dannosi sia per la nostra bocca che per il nostro intero organismo.

L'autore

Un po’ poeta, un po’ punk e un po’ giornalista.
    Potresti essere interessato a:
    Cura orale e dentale

    La parodontite (piorrea): cause, sintomi, trattamenti

    Cura orale e dentale

    L'alito cattivo (alitosi): le cause e i rimedi naturali

    Cura orale e dentale

    Denti gialli: 7 rimedi naturali

    Cura orale e dentale

    Come avere denti bianchi: 9 rimedi naturali