Diarrea: risposte alle domande più frequenti

- Posted by Author: BFC in Category: Condizioni di salute | 4 min read

Dal momento che sono diversi i fattori che possono scatenare una diarrea, sono diversi anche i modi di prevenirla e di trattarla.
In ogni caso occorre occorre curare in particolare l'alimentazione. Vediamo come.

diarrea

Il problema della diarrea

La diarrea, proprio come il mal di testa o l’influenza stagionale è un problema di salute abbastanza comune. A differenza di quello che avviene con questi altri malanni però, non tutti noi ci sentiamo completamente a nostro agio a confidare apertamente ad altri i nostri problemi di diarrea: neppure col medico

La maggior parte di noi preferisce “chiedere” consigli a Google.

Tuttavia consultare la rete alla ricerca di soluzioni ai propri problemi di salute, è molto spesso la peggior cosa da fare! Non solo perché le informazioni presenti su internet non sono sempre affidabili, ma anche perché la nostra capacità di diagnosi – o di auto-diagnosi – non è all’altezza di quella di un medico con anni di studi e di esperienza sulle spalle.

Ad ogni modo, fatte queste doverose premesse di carattere generale, abbiamo predisposto questa un breve guida che raccoglie risposte alle domande più frequenti sulla diarrea.

Quali sono le cause più comuni di una diarrea

La diarrea può essere causata da una moltitudine di fattori. Può essere causata,

La diarrea può comparire anche,

  • durante periodi di forte stress o ansia,
  • durante periodi in cui si prendono degli antibiotici o altri farmaci che hanno tra i loro possibili effetti collaterali la diarrea,
  • a seguito dell’assunzione di determinati alimenti, soprattutto di quelli a base di glutine o lattosio e si allergici a queste sostanze.

La diarrea può anche presentarsi nelle persone che soffrono,

  • della sindrome dell’intestino irritabile (IBS-D);
  • della malattia infiammatoria dell’intestino (IBD).

Infine, anche sali biliari non assorbiti stimolano la secrezione di acqua nel colon e causano una diarrea.

  • Questa diarrea da acidi biliari è tipica delle persone le cui condizioni compromettono la capacità di assorbimento degli stessi nell’ileo.
  • Interessa circa una persona su quattro tra quelle che manifestano disturbi funzionali intestinali accompagnati da diarrea e non rispondenti alla prima linea di trattamento. [1]

Cosa si dovrebbe mangiare quando si soffre di diarrea

Quando si ha la diarrea, è consigliabile andar cauti con gli alimenti ricchi di fibre come la crusca, la frutta, la verdura, e con le bevande come le spremute di frutta. Vanno bene invece i cibi a basso residuo, come il riso bianco ed il pollo magro.

E’ molto importante anche restare ben idratati: occorre quindi bere molta acqua per reintegrare i liquidi persi con la diarrea.

Può giovare anche l’assunzione di integratori di elettroliti (sali minerali) senza zuccheri aggiunti.

Una volta che il nostro stomaco si sente meglio (24-48 ore dopo la diarrea) è il caso di riprendere l’alimentazione regolare seguendo una dieta sana ed equilibrata per compensare quei nutrienti persi.

Quanto dura e come curarla

Una diarrea di solito scompare in pochi giorni.

Se persiste più a lungo, rivolgiti tuo medico di famiglia che potrebbe eventualmente prescriverti un test delle feci per verificare l’eventuale presenza di cause batteriche.

La prima cosa da fare è comunque di restare idratati. Quindi bere a sufficienza per reintegrare i liquidi ed i sali persi. Ciò servirà a prevenire la disidratazione.

È raro che una diarrea necessiti di antibiotici. Gli antibiotici possono essere necessari se viene rilavata la presenza di batteri nelle feci.

Una volta escluse cause più gravi, per contrastare una diarrea dovuta a cause non specifiche il medico potrebbe prescrivere – assieme ad altre cose – il farmaco Loperamide 2 mg compresse uso orale.

Si tratta di un farmaco che agisce rallentando i movimenti dell’intestino ed addensando le feci. [2] Si tratta di compresse adatte per gli adulti e per i bambini di età superiore ai 12 anni che possono alleviare la diarrea entro un’ora dalla loro assunzione.

Perché una diarrea può a volte bruciare

Il nostro intestino è ricco di enzimi digestivi che scompongono le grandi molecole (le proteine, i grassi, gli zuccheri) del cibo che ingeriamo.

Va da sé che con la diarrea questi enzimi possono avere degli effetti irritanti sul nostro fondoschiena. Per ridurre al minimo questo inconveniente è necessaria la pulizia, eventualmente anche l’applicazione di creme per pannolini per bambini o creme simili.

Alcuni consigli utili a prevenire le diarree

Come abbiamo visto, sono diversi i fattori che possono scatenare la diarrea e di conseguenza sono molti e diversi anche i modi per prevenirla.

Comunque, prima di tutto è necessario lavarsi e disinfettarsi regolarmente le mani specialmente dopo aver usato il bagno, o dopo aver toccato gli oggetti con cui sono state a contatto molte persone: le tastiere, i telefoni o le maniglie delle porte.

Puoi è buona norma mangiare cibi freschi, in particolare alimenti che siano stati conservati alla temperatura corretta e che non siano scaduti.

Infine bisogna ricordarsi di mantenere a casa propria un’impeccabile igiene in cucina: quindi tenere puliti gli asciugamani, i panni, i piani di lavoro, i coltelli e, naturalmente i piatti e le posate.

Da ricordare

Se la diarrea persiste per più di un paio di giorni, consulta il medico di famiglia per essere sicuro che la sua causa non sia dovuta a qualcosa di grave.

Per approfondire


***

I nostri servizi e contenuti sono solo a scopo informativo. Segretiperstarbene.it non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento. Questo sito si basa sul supporto dei lettori: quando comprate attraverso i link sul sito, potremo ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione. Parecchi prodotti che presentiamo sono acquistabili online su Amazon.it, ma non siamo in alcun modo collegati ad Amazon. Il prezzo finale di vendita può variare per motivi indipendenti da noi: verificalo sempre prima di concludere l'acquisto.

A questo articolo ha contribuito

Author: BFC

Sono un appassionato lettore e ricercatore e credo nell’immensa potenzialità che la rete offre di condividere informazioni e conoscenze che possano direttamente o indirettamente migliorare il benessere dell’uomo.