Condizioni di salute

Creatinina: cos’è, i valori, il test

Se è presente una quantità eccessiva di creatina nel sangue, i reni possono non essere in grado di fare adeguatamente il loro lavoro.
I livelli di creatinina si alzano però anche quando i reni non sono in grado di filtrare bene il sangue, perché sono malati o danneggiati.
creatinina
creatinina

La creatinina e la creatina

La creatina é una proteina che serve per la formazione di energia durante le contrazioni muscolari. Una sua parte viene trasformata in creatinina, la quale passa nel sangue e poi viene poi eliminata dai reni.

La creatinina è quindi una sostanza – prodotta dal metabolismo muscolare – che deriva dalla degradazione della creatina: è, in altre parole, un prodotto di scarto muscolare presente nel sangue, che passa attraverso i reni allo scopo per essere filtrato e poi eliminato del nostro organismo tramite l’urina.

I vari livelli di creatinina

Il livello di creatinina presente nel sangue è legato, sia sulla quantità dei muscoli delle singole persone, sia sulla loro funzionalità renale.

Maggiore è la massa muscolare di un soggetto, maggiore sarà la sua produzione di creatinina.

Gli uomini con una funzionalità renale regolare, hanno dei valori di creatinina nel sangue di circa 0.6-1.2 milligrammi per decilitro (mg/dL).

Le donne invece presentano un valore più basso, tra 0.5 e 1.1 mg/dL.

Il fatto di assumere alcuni integratori alimentari di creatina può innalzarne le sue quantità nell’organismo.

Questa differenza è solitamente dovuta alla minore massa muscolare delle donne rispetto a quella degli uomini.

Gli altri fattori che potrebbero influenzare i livelli di creatinina nel sangue, sono

  • la mole delle singole persone,
  • il loro livello di attività fisica,
  • l’assunzione di determinati medicinali.

La creatinina e la malattia renale cronica

Quando i reni sono malati o sono danneggiati, e non sono quindi più in grado di filtrare in modo efficiente il sangue dai prodotti di scarto, anche i livelli di creatinina si alzano.

Uno tra i diversi fattori che possono servire per decidere se incominciare o meno un trattamento di dialisi é legato alla misurazione della creatinina.

Quando la funzionalità renale di un soggetto è troppo compromessa, questa persona infatti necessita di essere sottoposta alla dialisi.

Sintomi di scarsa funzionalità renale

Gli esami per la creatinina vengono fatti nel caso di sospette malattie renali. Queste malattie potrebbero avere:

nessun sintomo

Alcune persone non accusano nessun sintomo relativo ad una loro scarsa funzionalità renale.

Per cui non scoprono di avere dei problemi renali fino a che non si sottopongono ad un esame del sangue e da questo emerge una loro creatinina elevata.

alcuni sintomi manifesti

Quando si manifestano i sintomi della scarsa funzionalità renale, questi sono dati da

  • una perdita di appetito,
  • dal vomito,
  • dal prurito,
  • dalla debolezza
  • e da sintomi simil-influenzali.

Quando si accumulano nell’organismo dei liquidi, a queste persone si possono loro gonfiare le gambe, e possono sentirsi senza fiato.

Il test della creatinina – Il GFR

l’esame

Per valutare la funzionalità renale, può essere utile testare la creatinina sia nel sangue che nelle urine.

Per l’esame della creatinina sierica, viene prelevato del sangue ed inviato ad un laboratorio d’analisi dove vengono misurati i suoi livelli.

Queste informazioni  circa i livelli permettono a medico di valutare la situazione del soggetto in base alla sua età, al fatto che sia maschio oppure femmina, alla sua etnia.

il GFR

Utilizzando un calcolatore della velocità di filtrazione glomerulare  GFR Glomerular Filtration Rate – tasso di filtrazione glomerulare) si arriva poi a determinare la velocità di filtrazione glomerulare.

Il GFR é il miglior esame per misurare la funzionalità del rene, e serve per scoprire qual’ é lo stadio della funzionalità renale, e in questo modo il medico potrà valutare a che stadio di malattia renale si trovi il soggetto interessato.

Si noti che un basso GFR, come pure un’elevato livello sierico di creatinina, non significa sempre avere una malattia renale: anche perché si tratta solo una stima la quale può essere soggetta ad errori più o meno significativi.

Comunque il medico sarà in grado di interpretare i risultati nella maniera corretta.

La clearance della creatinina (Ccr o CrCI)

La clearance della creatinina (Ccr o CrCI) è la misura di quanta creatinina viene eliminata dall’organismo in rapporto alla quantità di urina prodotta in 24 ore.

Quindi, è la misura dell’efficienza di filtrazione dei reni.

La clearance della creatinina richiede la combinazione di un’esame delle urine e di un esame del sangue.

Questo test Ccr viene solitamente fatto dopo aver valutato i valori sierici, ed aver calcolato il tasso di filtrazione glomerulare/GFR, poiché l’urina deve essere prelevata durante un periodo di 24 ore.

L'autore

Aida Teresa collabora da anni esclusivamente con un ristretto e selezionato numero di pubblicazioni online. Questo le ha consentito di specializzarsi nella redazione di notizie e articoli sui temi della medicina, dello sport e della bellezza.
    Potresti essere interessato a:
    Condizioni di salute

    La fenomeno di Raynaud e la sindrome di Raynaud: sintomi e trattamenti

    Condizioni di salute

    L'enuresi notturna nei bambini

    Condizioni di salute

    La celiachia, o malattia celiaca

    Condizioni di salute

    La diarrea: sintomi, diagnosi, cure