androlin

Antrolin® crema rettale

Le creme rettali si usano in caso di emorroidi, di ragadi anali, di pruriti o bruciori anali e perianali.
Antrolin® crema rettale, é una crema medicinale della casa farmaceutica New Fa.dem soggetta a prescrizione medica.

Antrolin® crema rettale

Antrolin® crema rettale è un prodotto a base di nifedipina e di lidocaina.

  • La nifedipina è un farmaco antiipertensivo della classe chimica delle 1-4 diidropiridine.
  • La lidocaina è un principio attivo per i farmaci che vengono usati come anestetico locale.

L’azione combinata di questi due elementi (nifedipina e lidocaina) rappresenta un ottimo trattamento per le proctalgie (dolori avvertiti a livello del retto) in generale, ma soprattutto per quelle a cui si associa un ipertono dello sfintere anale, come le emorroidi e le ragadi anali.

Usata localmente, Antrolin® crema rettale esercita il suo effetto sulla muscolatura liscia, e riduce il tono dello sfintere anale interno.

Infatti Antrolin® agisce a livello della muscolatura ed allevia il dolori, e per questa ragione è particolarmente utile in queste circostanze.

Lo si trova in commercio in confezioni che contengono un tubetto di crema da 30g, ed una cannula per l’uso endorettale, al prezzo di 13,30 € circa.

Prima di entrare nell’argomento, al fine di avere un quadro più completo è opportuno parlare brevemente delle emorroidi e delle ragadi anali, e dei loro sintomi.

Le emorroidi, le ragadi anali, i loro sintomi

emorroidi

Le emorroidi sono dei cuscinetti anatomici fisiologici costituiti da un tessuto riccamente vascolarizzato, e da un tessuto di sostegno.

La vascolarizzazione del tessuto è data da un fitta rete di arterie, vene e capillari, sottoforma di sinusoidi, che prende il nome di plesso emorroidario.

Il tessuto di sostegno è formato invece, dal tessuto connettivo-elastico e dal tessuto muscolare liscio.

I cuscinetti emorroidari sono localizzati nella parte terminale del canale ano-rettale, ed hanno la funzione di garantire la continenza anale alle feci ed ai gas, e quella di proteggere lo sfintere anale dal passaggio fecale.

Noi ci rendiamo conto della presenza di questi cuscinetti solo quando, per varie cause, iniziano a darci a fastidio e viene ad instaurarsi il quadro clinico della malattia emorroidaria, i cui sintomi sono il bruciore, il dolore ed il prurito a livello anale.

Questi sintomi dipendono dal fatto che i cuscinetti emorroidari si gonfiano a causa, sia della dilatazione dei vasi che formano il plesso emorroidario, sia dell’infiammazione e del conseguente edema dei tessuti di sostegno.

ragadi anali

Le ragadi anali sono delle piccole e profonde erosioni cutanee, dei taglietti, che si formano in corrispondenza dello sfintere anale a causa di una sua eccessiva dilatazione durante il passaggio fecale: soprattutto se le feci sono dure o più grosse del normale, o in caso di stitichezza.

Queste piccole ferite risultano particolarmente dolore e fastidiose, perché questa zona del nostro corpo ha numerose terminazioni nervose, quindi è particolarmente sensibile, ed il dolore è particolarmente intenso proprio durante la defecazione.

i sintomi di queste affezioni ano-rettali

Di solito le cause dei dolori anali vengono diagnosticate facilmente nel corso di una visita proctologica.

Successivamente, per risolvere in modo stabile questo problema, verrà stabilito -a seconda della diagnosi- il trattamento più indicato allo scopo.

Se i dolori sono discontinui, con fitte intense e con perdite di sangue rilevabili sulla carta igienica, e se questi dolori sono legati alla defecazione, potrebbe trattarsi di una ragade anale.

Se invece i dolori sono costanti, e si manifestano con la comparsa di un piccolo rigonfiamento, potrebbe trattarsi di emorroidi.

Le ragadi anali, le emorroidi e le infezioni, causano uno spasmo (indipendente dal controllo volontario di chi ne è colpito) della muscolatura liscia che costituisce lo sfintere anale interno.

Questa contrazione involontaria può aggravare le varie proctalgie (i dolori dell’ano o del retto), e aumentarne il dolore.

Principi attivi e meccanismi d’azione di Antrolin® crema rettale

androlin crema rettale

L’azione di Antrolin® crema rettale è legata alla sinergia di due dei suoi principi attivi – che hanno proprietà diverse – ma che si integrano per trattare al meglio queste proctalgie,

  • la nifedipina (0.3%)
  • e la lidocaina cloridrato (1.5%).

nifedipina

La nifedipina è una diidroperidina calcio-antagonista la quale, legandosi ai canali ionici del calcio presenti sulle membrane cellulari, impedisce l’ingresso di questo ione all’interno della cellula.

L’incremento della concentrazione di calcio all’interno della cellula, è fondamentale per la contrazione cellulare e -se quest’aumento non avviene perché la nifedipina blocca il suo passaggio intracellulare- non di ha la contrazione, ma il rilasciamento della muscolatura liscia.

In questo modo, se applicata localmente la nifedipina riduce l’ipertono e la contrazione della muscolatura liscia dello sfintere anale che, come abbiamo visto nel paragrafo precedente, provocava un aumento dei sintomi in caso di emorroidi e ragadi, e ne impediva la guarigione portando a una cronicizzazione di tali disturbi.

lidocaina

L’azione della nifedipina è integrata da quella della lidocaina, un anestetico locale che contribuisce alla riduzione ed alla risoluzione di dolori e bruciori a livello anale.

Posologia

Antrolin® crema rettale, può essere utilizzata per fare delle delle applicazioni sia endorettali sia perianali.

Per la risoluzione delle patologie è indicata l’applicazione di questa crema 2 volte al giorno, e di continuare il trattamento per 3 settimane.

In caso di un suo uso endorettale si consiglia di,

  • sdraiarsi sul fianco sinistro,
  • svitare il tappo dal tubetto di crema e di avvitarvi la cannula apposita che trovate insieme all’interno della confezione,
  • far fuoriuscire un po’ di crema per lubrificare la cannula in modo che sia più facile inserirla nell’ano,
  • una volta inserita, premere l’estremità del tubetto e far uscire la crema che nella quantità di  circa un centimetro del tubetto (2.5-3 g).

Il trattamento a base di Antrolin® crema rettale deve essere fatto sotto il controllo del medico relativamente,

  • ai soggetti di  età inferiore ai 18 anni,
  • ai soggetti anziani,
  • ai pazienti che seguono delle terapie a base di beta-bloccanti o antiipertensivi.

Antrolin® ha un periodo di validità di 30 giorni dopo l’avvenuta apertura della confezione (data da annotare nell’apposita sezione sul tubetto): non utilizzare dopo tale periodo o dopo la sua data di scadenza.

Avvertenze circa l’uso di Antrolin® crema rettale

Antrolin® crema rettale NON può essere usato,

  • dai soggetti con un’ipersensibilità (allergia) a uno dei principi attivi, o a qualsiasi altro suo componente (controllare accuratamente il foglietto illustrativo per la lista dettagliata dei componenti);
  • dalle donne in gravidanza o in allattamento, poiché i suoi principi attivi attraversano la barriera placentare e vanno a finire nel latte;
  • dai soggetti con una grave ipotensione e/o insufficienza cardiovascolare, perché la nifedipina determina anche il rilasciamento delle cellule muscolari lisce delle pareti vasali.

Antrolin® crema deve essere usato con cautela nel caso in cui le mucose siano particolarmente danneggiate e/o infiammate, perché in questi casi si potrebbe avere un’eccessivo assorbimento del farmaco.

Una particolare attenzione devono prestare anche le persone diabetiche e quelle con un’insufficienza epatica e/o renale grave.

E bene leggere il foglietto illustrativo circa le sue eventuali sue interazioni con altri farmaci che si dovessero assumere.

E consigliabile che informi il tuo medico se stai seguendo altre terapie farmacologiche.

Altri prodotti che potrebbero interessarti

Antrolin® crema rettale é una crema medicinale soggetta a prescrizione medica.

Esistono pero anche altre creme che si possono acquistare senza ricetta.

Se fossi interessato ad altri prodotti di questa stessa categoria (creme rettali) – che sono però acquistabili senza ricetta medica, puoi prendere in considerazione quelli che ti proponiamo qui di seguito.

BFC
Sono un appassionato lettore e ricercatore e credo nell’immensa potenzialità che la rete offre di condividere informazioni e conoscenze che possano direttamente o indirettamente migliorare il benessere dell’uomo.
Hai appena letto: Torna alla pagina principale