Condizioni di salute

7 rimedi contro la flatulenza (ed il meteorismo)

Ti pare si essere come un pallone gonfio pronto a scoppiare da un momento all'altro?
Se hai cercato di smettere di scoreggiare ma non hai ancora trovato una soluzione, sei sulla pagina giusta. Continua a leggere per saperne di più.
flautolenza

L’aerofagia, il meteorismo, la flatulenza

L’aerofagia, il fatto di “mangiare aria”, sta ad indicare un’immissione di aria nello stomaco, cosa che avviene soprattutto quando mangiamo.

Il meteorismo è un’eccessiva formazione e ritenzione di gas che non vengono espulsi, e che perciò risalgono nel tratto gastro-intestinale creandoci dei problemi, il primo dei quali è costituito da un rigonfiamento dell’addome.

Flatulenza è il termine con cui si indica un’emissione di gas dal retto – cioè un’emissione del flato che si è formato all’interno dell’intestino o dello stomaco.

Perché la flatulenza

La flautolenza è una condizione del tutto normale. E’ infatti il segno che il nostro sistema digestivo è sano.

Le scoregge o i peti – come viene chiamata la flatulenza nel linguaggio comune – sono infatti utili al normale funzionamento del nostro corpo. Se i gas non vengono espulsi possono accumularsi nell’addome (meteorismo) e causarci dei disagi.

La maggior parte delle persone sane emette dei gas dalle 13 alle 21 volte al giorno [1]. Può sembrare tanto. Però la maggior parte delle scoregge passano inosservate e sono inodori.

La maggior parte del gas che emettiamo é legata alla deglutizione di aria (aerofagia). Mangiando e bevendo noi introduciamo inconsapevolmente dell’aria. Se ingeriamo molta aria avremo un eccesso di scoregge.

Poi ci sono degli altri gas che vengono prodotti dall’intestino per effetto della digestione del cibo.

Il fatto che il peto odori, è dovuto alla scomposizione in idrogeno solforato del cibo che mangiamo. E ciò può causare l’odore di uova marce. Può (anche) produrre delle scoregge maleodoranti un aumentato apporto di alcuni alimenti ricchi di zolfo come i cavoli, l’alcol, gli asparagi, il caffè, il pollo, i latticini ed i cetrioli.

Le cause della flatulenza

I fattori di cui ora parleremo sono quelli potrebbero contribuire ad aumentare la produzione di gas nell’intestino e la conseguente flatulenza.

Come accennato in precedenza, la deglutizione dell’aria è una delle cause principali dell'”eccesso” di scoregge. Altre cause della produzione e dell’emissione di gas sono:

  • eccessiva fermentazione batterica;
  • alcuni farmaci come l’aspirina;
  • alcune allergie o intolleranze alimentari;
  • alcune malattie come per esempio la sindrome dell’intestino irritabile, una costipazione, la malattia celiaca e un’indigestione.

Come vedremo nel paragrafo successivo, anche la dieta può avere un ruolo rilevante nella flatulenza.

Quali alimenti sono da evitare per eliminare la flatulenza

Alcuni alimenti possono causare la produzione di una maggiore quantità di gas. Sono gli alimenti che tendono a fermentare nell’intestino crasso ed rilasciare dei gas: gli alimenti ricchi di carboidrati contenenti lattosio, fruttosio, amido e fibre insolubili.

I principali alimenti noti per essere la causa di gas eccessivi sono [2]:

  • i fagioli e le verdure a foglia verde come cavoli, i cavoletti di Bruxelles, gli asparagi ed i broccoli;
  • le cipolle e l’aglio;
  • i succhi di frutta, che incorporano numerose particelle d’aria,
  • le bevande analcoliche e le bevande gassate, che esaltano i processi fermentativi;
  • i latticini;
  • le patate, il mais, il grano e altri cibi amidacei;

Anche se questi alimenti possono tendenzialmente farci scoreggiare di più, non dovrebbero essere tuttavia eliminati dalla nostra dieta in quanto sono molto importanti per la nostra salute e per il nostro benessere.

Possiamo però optare di limitare la loro assunzione.

Inoltre, per prevenire la flatulenza si possono consumare pasti più piccoli e più frequenti, al posto di tre grandi.

Sette rimedi utili per combattere la flatulenza

Oltre che a modificare la tua dieta, ecco alcuni suggerimenti che puoi seguire per “smettere” di scoreggiare.

1. mangia lentamente

Il fatto di ingerire dell’aria, mentre mangiamo, mentre beviamo e quando parliamo, può causarci dei gas e quindi dei peti.

Questo è vero particolarmente quando si mangia troppo in fretta. Quindi, mangia lentamente e facendo attenzione a ridurre la quantità di aria che deglutisci [2].

2. smetti di fumare

Con ogni boccata di sigaretta inghiotti molta aria. Non sono un’eccezione neppure le sigarette elettroniche.

In generale chi fuma e chi assume dei prodotti a base di tabacco ha maggiori probabilità di avere meteorismo e scoregge [3].

3. fai una regolare attività

L’inattività può causare accumuli di gas nello stomaco. Muoversi regolarmente facendo un’attività fisica anche moderata, può incidere riducendo la formazione del gas e dei peti [4].

4. tratta la (eventuale) stitichezza

I gas ed i gonfiori sono sintomi che possono anche essere legati alla stitichezza [5]. Quindi, tratta questa condizione se vuoi risolvere il problema della flatulenza legata alla stitichezza.

5. evita le gomma da masticare

Un ingrediente chiave presente in molte gomme da masticare senza zucchero, è l’esitolo. La sua ingestione anche in piccole quantità, viene associata ai gas ed ai gonfiori [6]. Pertanto, se è questo il tuo caso evitala se vuoi ridurre la flatulenza.

6. identifica le eventuali tue intolleranze alimentari o allergie

Anche certe allergie e certe intolleranze alimentari possono essere responsabili di un eccesso di gas. Tuttavia ciò dipende da persona a persona. Ad ogni buon conto, prendi nota degli alimenti a cui sei allergico o intollerante.

A parte ciò, è anche possibile individuare l’alimento che ci sta sta causando la formazione di gas e quindi la flatulenza.

  1. Per prima cosa elimina dalla tua dieta tutti gli alimenti che producono, in linea di massima, dei gas.
  2. Poi assumi uno alla volta questi alimenti allo scopo di identificare il “colpevole”.
  3. In tal modo potrai evitare o limitare l’assunzione di quell’alimento che ti causa la flatulenza.

7. assumi dei probiotici

I probiotici possono modificare la composizione della flora intestinale e ridurre il gas intestinale. Gli integratori di enzimi digestivi possono aiutare ad alleviare i sintomi gastrointestinali migliorando la digestione [7, 8]. Quindi, per gestire la tua flatulenza puoi provare uno di questi prodotti.

La dieta, ed anche le non giuste scelte quanto a stili di vita, sono i principali fattori che scatenano il meteorismo e la flatulenza. Quindi, se del caso, dovresti modificarle queste scelte.

Se tutti questi suggerimenti non dovessero funzionare, puoi consultare un medico per scoprire la causa effettiva della tua condizione, ed intraprendere i conseguenti trattamenti.

Quando consultare un medico

Il più delle volte, il gas eccessivo non è un motivo per cui preoccuparsi.

Tuttavia in alcuni casi un peto “costante” può indicare l’esistenza di una grave condizione medica di base.

Rivolgiti perciò immediatamente al medico se avverti o se hai uno dei seguenti sintomi:

  • un forte dolore allo stomaco,
  • vomito,
  • nausea,
  • una perdita di peso,
  • febbre,
  • stitichezza e / o diarrea.
Potresti essere interessato a:
Condizioni di salute

I calcoli renali: le cause, i sintomi, i trattamenti

Condizioni di salute

Il bruciore di stomaco: le cause, i trattamenti

Cibi e bevandeCondizioni di salute

L'intossicazione alimentare: sintomi, come trattarla

Condizioni di salute

I disturbi glutine - correlati